Il mio corpo “sente freddo”

Riconoscere e verbalizzare le percezioni sensoriali non è argomento semplice da trattare con i bambini e le bambine di tre anni della scuola dell’infanzia. Tuttavia la narrazione di storie drammatizzate e rese più divertenti per i bambini che l’ascoltano può certamente facilitare il compito dell’insegnante. Per consolidare la conoscenza e la comprensione del senso del tatto ho narrato ai miei alunni una storia tratta dalla guida didattica “Tanti giorni per imparare” pubblicata dal gruppo editoriale Tresei dal titolo “La tribù dei nasi rossi”, interpretandola insieme alla mia collega di sostegno, ed una filastrocca dallo stesso titolo. Dopo la letto-interpretazione della storia abbiamo osservato i particolari del viso di ciascun bambino e ci siamo soffermati sul nasino di una bambina che, a causa dell’intenso freddo di questi giorni di febbraio, lo aveva arrossato e screpolato. Su questo particolare ci siamo fermati a riflettere ed abbiamo cercato di fare ipotesi sulle cause che avevano cagionato l’irritazione al naso della piccola amica di sezione. Moltissimi sono stati gli interventi dei bambini che hanno compreso e spiegato come il clima dell’inverno viene percepito dal nostro corpo :”…maestra anch’io quando vado a casa di nonna non tolgo il cappotto, il mio corpo ha freddo; lo sai maestra che io ho avuto la febbre quand’era inverno? La mia sorellina ha il naso rosso come i bambini della filastrocca..” Dopo le riflessioni abbiamo colorato con la tempera pronta la scheda del quaderno operativo corrispondente alla storia narrata.

Il mio corpo “sente freddo” Il mio corpo “sente freddo” Il mio corpo “sente freddo”

Lascia un commento