Gioco-sport 3- 4-5 anni

Per promuovere la piena integrazione tra bambini appartenenti a culture diverse, la socializzazione, l’acquisizione di un corretto stile di vita, il movimento e il gioco, i momenti essenziali dell’attività motoria e dello sport rispondono ad un bisogno primario della persona e, attraverso una corretta azione interdisciplinare, contribuiscono al loro sviluppo armonico promuovendo inoltre la cultura del rispetto dell’altro e del rispetto delle regole, che rappresentano importanti veicoli di inclusione sociale e di contrasto alle problematiche legate al disagio giovanile.

Abbiamo pertanto favorito l’ampliamento delle esperienze motorie dei bambini concretizzando collegamenti e sinergie con soggetti esterni (Comune, con un campione olimpionico 2016 Rio de Janeiro–specialità triathlon delle paraolimpiadi, con un tecnico federale della ginnastica artistica, con psicomotriciste) per realizzare attività complementari di avviamento alla pratica ludico-sportiva promuovendo anche l’inclusione dei soggetti in difficoltà e diversamente abili. Abbiamo usato tutti gli spazi della scuola: palestra, salone, una palestra messaci a disposizione da un esperto di ginnastica artistica ed il campo sportivo del nostro Comune per “allenare” i nostri bambini alla pratica sportiva.

Le esperienze di gioco-sport hanno coinvolto tutti gli alunni della nostra scuola dell’infanzia ed il percorso progettuale è stato sviluppato durante l’anno in incontri settimanali a partire dal mese di novembre per fasce parallele di età concludendosi nella prima metà del mese di giugno con la manifestazione “Baby Olimpiadi”. Tutti i bambini che all’inizio mostravano un “impaccio motorio” hanno via via acquisito padronanza nei movimenti fino a raggiungere un’ottima competenza nei giochi di squadra e singoli.

Attraverso questa esperienza abbiamo tenuto conto delle potenzialità e delle abilità individuali di ciascun bambino al fine di promuovere, nell’interazione con i compagni (mediata dal gioco), la ricerca e il desiderio di rinforzare le personali identità, l’ambizione ad acquisire un proprio ruolo e la considerazione sociale, nonché l’espressione della soggettiva autonomia, la capacità di affrontare difficoltà e risolvere problemi, abituandosi alla condivisione e al rispetto delle regole.

Infine il nostro piano di lavoro si è focalizzato sulle possibili connessioni tra il progetto educativo e didattico di educazione motoria e lo sviluppo di progetti educativi trasversali quali l’ambiente, l’educazione interculturale, l’educazione alla salute, l’educazione alla cittadinanza attiva, ecc.

Gioco-sport 3- 4-5 anni Gioco-sport 3- 4-5 anni  Gioco-sport 3- 4-5 anni Gioco-sport 3- 4-5 anni  Gioco-sport 3- 4-5 anni Gioco-sport 3- 4-5 anniGioco-sport 3- 4-5 anniGioco-sport 3- 4-5 anni

4 commenti su “Gioco-sport 3- 4-5 anni

  1. Io ricordo il volto dei bambini quando facevano le prove per questo evento…bambini contenti anzi felici di ciò che voi maestre vi apprestavate ad insegnargli..attraverso il gioco-sport hanno avuto modo di conoscersi dj più di essere più uniti qual ora ci fosse qualche difficoltà e si vedeva perché ogni volta che un bimbo si esibiva nell’ attività tutti gli altri tenerissimamente tifavano affinché quel bimbo riuscisse ad andare avanti con più sicurezza stimolato dai suoi amici…
    Lì si vede il grande lavoro di tutte voi maestre…
    Spero di cuore che questo progetto sia portato avanti negli anni.
    Grazie di cuore maestre!

  2. Bellissima esperienza vissuta dai ns.bambini che grazie ad essa hanno riacquistato fiducia in se stessi e più autostima. Hanno imparato a fare squadra e questo comporta a condividere e aiutarsi,nel gioco, come del resto nella vita, ci sono regole che vanno rispettate, ci vuole costanza,impegno per poter ottenere dei risultati. Tutto è stato coordinato ottimamente da tutte le maestre dell’ asilo con la guida della maestra “Nilo” che non dormendo la notte si assicurava che tutto fosse in regola . Allora come adesso vi scrivo brave a tutte le maestre dell’asilo di Lacco Ameno che dimostrano impegno quotidiano e amore, passione per il proprio lavoro, grazie di esserci per i ns.bimbi

Lascia un commento