Bene… essere Io, tu, noi… insieme si sta meglio!

L’idea di realizzare nella nostra scuola un progetto lettura per i bambini della scuola  dell’infanzia prende forma da una serie di riflessioni:

  • la giovanissima età  dei  nostri  uditori:  pensiamo  che  il  precoce  inserimento della  lettura  sia  importante  affinché  i  libri  entrino  in  modo  piacevole  e accattivante nella vita del bambino.
  • La condivisione di emozioni, di pensieri, di fantasie tra chi legge e chi ascolta: questa situazione può  portare  ad  un  momento  di  intimità,  di  crescita  del rapporto interpersonale e creatività condivisa.
  • La consapevolezza della particolare importanza della lettura in un momento in cui la trasmissione  del  sapere  è  prevalentemente  di  tipo  tecnologico:  la televisione da quasi subito e il computer poco dopo occupano, infatti, parecchio tempo nella giornata di molti bambini.
  • La possibilità che  offre  la  lettura  di  capire  la  propria  vita  con  il  supporto  di racconti  e di  esperienze altrui e quindi di  avere  a disposizione  più  modi per “leggere” il mondo, per capirlo e fronteggiarlo.
  • L’esperienza della lettura  va  avviata  precocemente  e  va  condivisa  dal  contesto familiare  perché  il  piacere  di  leggere  nasce  se  gli  adulti  consentono  l’incontro precoce  con  il  libro,  se  leggono  ai  bambini  e  se  si  offrono  essi  stessi  come modello adeguato: i bambini guardano, ascoltano e soprattutto imitano gli adulti, una grande responsabilità!

Finalità

“Creare  occasioni  di  incontro  tra  i soli bambini  e  tra gli  adulti  e i bambini  per condividere il piacere della lettura vissuta insieme”.

Il  progetto  nasce  dall’idea  di  offrire  ai  bambini  l’opportunità  di  scoprire, attraverso  la  lettura,  il  libro  come  “oggetto misterioso”  che  diverte  e  fa  delle “magie”  diverse  da  quelle  dei  giocattoli, ma che aiuti il bambino a creare una situazione di benessere, stare bene con se stesso equivale a stare bene con gli altri ed a creare un clima sereno intorno a sé. Il  bambino  scopre  che  aprire  un  libro vuol  dire  aprire  una  finestra  su  altri  mondi:  quello  della  realtà  e  quello  della fantasia, quello dei sogni e quello delle cose di ogni giorno, ed è attraverso questa finestra che riesce a vivere e a realizzare un benessere psico-fisico.

Obiettivi

  • Far sì che il bambino possa vedere il libro come un oggetto conosciuto ed amico grazie ad una lettura frequente che ne favorisca il piacere all’ascolto;
  • creare momenti di condivisione della storia sia in relazione all’ascolto che all’elaborazione, dove la voce si rende protagonista;
  • arricchire l’immaginazione del  bambino  attraverso  l’offerta  di  molteplici situazioni che vanno a stimolarne la creatività, ma soprattutto situazioni di benessere;
  • aiutare il bambino a sviluppare la capacità di scegliere e soffermarsi autonomamente sul libro e  anche  abituarlo  a  riporlo  ordinatamente  dopo  la  lettura,
  • arricchire le conoscenze linguistiche del bambino;
  • permettere ai bambini l’identificazione con i personaggi della storia letta, favorendone il riconoscimento degli stati d’animo e delle emozioni;
  • creare forme di dialogo tra i bambini e con l’adulto che può avvicinarsi in maniera più empatica a loro, riconoscendone le fantasie, le paure, i desideri e le aspettative.

Metodologia

Cicle-time; convesazione guidata; drammatizzazione.

Allestimento

“Ognuno di noi ha qualcosa d’importante”. Così si conclude il libro illustrato di A. Abbatiello “La cosa più importante” che avvicina i bambini alla consapevolezza di sé e all’accoglienza dell’altro. Quale ambiente migliore per iniziare questo percorso se non quello scolastico? Convinte che la scuola  rappresenti, oggi più di ieri, un punto di riferimento fondamentale in una società che diventa sempre più fluida, le insegnanti hanno accettato con entusiasmo di aderire al progetto “BENE … ESSERE   Io, tu, noi … INSIEME si sta meglio! Benessere è inteso come “star bene” con se stessi e conseguentemente con gli altri per acquisire la consapevolezza della propria persona e dei ruoli che abbiamo nella società.

–  Lunedì 23 ottobre lo scrittore Roberto Rey protagonista della lettura animata del libro “la cosa più importante” di Antonella Abbatiello.

–  Martedì 24 ottobre lettura da parte del parroco della Parrocchia Santa Maria delle Grazie di Soccavo (Napoli) Don Francesco Scherillo del testo “Lacrime che volano via” di Sabine De Greef.

Mercoledì 25 ottobre lettura da parte dei nonni degli alunni del testo “Buongiorno Postino”  di Michael Escoffer e Matthieu Maudet.

Venerdì 27 ottobre manifestazione conclusiva con drammatizzazione della storia del libro “La cosa più importante”, giochi di ruolo e  giochi canori svolti dai bambini insieme ai lettori d’eccezione.

La manifestazione finale prevede la partecipazione dei nonni che saranno impegnati nella lettura animata del libro e nella partecipazione a giochi nonché ad un momento laboratoriale.

  • Il primo step: lettura animata del libro.
  • Il secondo step: organizzazione di giochi che aiuteranno a capire le caratteristiche di alcuni animali;
  • Gioco Se fossi un animale i bambini insieme ai nonni saranno chiamati ad imitare l’andatura e il verso degli animali della storia.
  • Gioco delle ranocchie i bambini insieme ai nonni dovranno cantare la canzone “I due liocorni”.
  • Gioco delle cavallette danzanti i bambini insieme ai nonni dovranno ballare sulle note della canzone “Savana Dance”.
  • Il terzo step laboratorio emozionale e/o creativo: i bambini insieme ai nonni realizzeranno, con materiale  di  diverso tipo, delle foglie da incollare ad un albero denominato “l’albero dell’ amore”, rappresentativo dell’emozione e dell’ interiorizzazione della storia. I nonni rappresentano le radici dell’albero, i bambini invece le foglie.
  • Il quarto step laboratorio creativo: durante la settimana della lettura i bambini saranno impegnati nella creazione di un porta foto a forma di “orsetto del cuore” da portare a casa come ricordo di questa manifestazione.

Bene... essere Io, tu, noi... insieme si sta meglio Bene... essere Io, tu, noi... insieme si sta meglio Bene... essere Io, tu, noi... insieme si sta meglio Bene... essere Io, tu, noi... insieme si sta meglio Bene... essere Io, tu, noi... insieme si sta meglio Bene... essere Io, tu, noi... insieme si sta meglio Bene... essere Io, tu, noi... insieme si sta meglio Bene... essere Io, tu, noi... insieme si sta meglio Bene... essere Io, tu, noi... insieme si sta megliohttps://33lascuolainfanzia.blogspot.it/search?updated-max=2018-01-04T08:33:00-08:00&max-results=7

Un commento su “Bene… essere Io, tu, noi… insieme si sta meglio!

Lascia un commento